I ricci portano malattie?

I ricci sono pericolosi?

Tanti gli animali selvatici potrebbero portare malattie.

Anche cani e gatti randagi, o domestici, se non curati.

Il corretto comportamento evita il problema della trasmissione di malattie dal riccio all'uomo.

Le possibilità di contagio sono veramente limitate se si usano guanti o protezioni durante il recupero di un riccio.

Si evitano così le punture da parte degli aculei.

Se non vengono maneggiati come giocattoli, o peggio, tenuti in braccio o addirittura baciati (succede).

 

I ricci, se non sono malati o affetti da parassitosi, non portano malattie.

 

Sono i parassiti che li abitano che possono essere pericolosi.

 

Quando si preleva un riccio basta ricordarsi SEMPRE di non usare le mani nude.

 

Dopo averlo posto in un contenitore, lavarsi e disinfettarsi (anche semplice alcool).

 

Riconoscere lo stato di salute di un riccio è importante.

 

Per questo il nostro consiglio è sempre quello di consegnarlo quanto prima ad un CRAS, un centro abilitato o a un veterinario.

Queste le malattie più comuni che si potrebbero trasmettere da un riccio all'uomo  a causa di un nostro comportamento NON CORRETTO:

-dalle zecche, malattia di Lyme,

 encefalite da zecca, infezioni.

-dalle pulci, soprattutto la rogna, di cui la pulce è vettore.

-salmonella, da ricci che si sono infettati nutrendosi di cibi avariati.

 

In ogni caso, usare le appropriate cautele, annulla la possibilità di contagio.

 

Evitare di far giocare i bambini col riccio e /o tenerlo distante dai nostri animali domestici.

 

Il corretto comportamento evita ogni problema.