Avvelenamento e ricci

Hai trovato un riccio che non si muove?

Possiamo elencare con facilità le cause principali di

avvelenamento di un riccio e come evitarlo.

Non usare veleno per topi

(ratticidi o topicidi)

Adoperare trappole non invasive. Catturano il roditore vivo che potrà essere liberato in luogo idoneo.

L'uso di veleni causa la morte, anche nella catena alimentare.

 

Topo avvelenato, rapace avvelenato.

 

La dispersione di tali veleni causa l'avvelenamento di molte altre specie essendo facilmente raggiungibili.

 

Evitare veleno per lumache

(lumachicidi)

Il riccio si nutre di lumache (anche se potrebbero trasmettere taluni parassiti).

 

Questo selvatico può contribuire alla pulizia dell'orto.

Disinfestanti e Pestidici

Purtroppo in agricoltura e viticoltura l'uso di questi veleni non è controllato.

Farmaci e Antiparassitari

Evitare la somministrazione di ogni farmaco

o trattamenti chimici senza diretto controllo di un veterinario.

Soprattutto senza aver fatto prima esami delle feci e i controlli del caso.

 

Quando troviamo un riccio in difficoltà si può capire se è avvelenato (i sintomi non sono una certezza) se collassato, se barcollante,  con bava alla bocca o presenza di sangue.

 

L'intervento rapido di un veterinario a volte può salvargli la vita. 

Ogni veleno ha il suo antidoto.