Quando liberare un riccio?

Come e Dove liberare un riccio?

Meglio liberare di sera, in vista di belle giornate. Meglio quando la temperatura minima è al di sopra dei 5°C, così potranno trovare cibo (insetti terricoli).

Per vedere un video di uno dei nostri liberazione

clicca sul pulsante Progetto Riccio Europeo.

Progetto Riccio Europeo. Italia .png

La detenzione di un riccio o di un qualsiasi selvatico è vietata per legge.

Se un esemplare ci viene affidato momentaneamente dalle autorità per essere tenuto in tutela provvisioria (convalescenza, sottopeso per l'inverno, o piccolo orfano) si deve poi provvedere alla liberazione il prima possibile.

E' meglio liberare il riccio solo dopo un adeguato adattamento.

Clicca sulla foto per vedere 

un video di una liberazione.

Quando liberare un riccio? Come liberare un riccio? www.inforiccio.com
La detenzione di un riccio o di un qualsiasi selvatico è vietata per legge. www.inforiccio.com

Territorio, clima, periodo dell'anno e peso del riccio possono determinare la sua liberazione.

Enormi sono le differenze se si è in montagna o in pianura, al nord o al sud del paese.

Con clima troppo arido (periodi di siccità, con mancanza di insetti ) o troppo freddo si evitano le liberazioni .

Studi recenti hanno messo in evidenza, però, che in presenza di giardini con possibilità di tane, cibo e acqua a disposizione, i ricci riescono a sopravvivere bene.

Se il riccio che abbiamo in tutela momentanea col permesso delle autorità, è stato con noi per un periodo lungo, è obbligatorio un corretto adattamento prima della sua liberazione.

Con l'adattamento si può verificare:

-se la fase giorno/notte è corretta.

Il riccio è un animale notturno.

Non è normale se gira di giorno.

-se sa cacciare.

il riccio che abbiamo in tutela momentanea col permesso delle autorità. www.inforiccio.com
In primavera e estate un riccio di 300 grammi sopravvive bene in natura. www.inforiccio.com

Sparpagliare sul terreno insetti (anche congelati) e verificare il suo comportamento.

-se sa occuparsi della sua tana. Senza una tana,in natura, un riccio è facile preda.

 

Quando queste caratteristiche sono a posto, ed il peso è adeguato, il nostro riccio è liberabile.

In primavera e estate un riccio di 300 grammi sopravvive bene in natura.

 

Ad autunno inoltrato e in pieno inverno, il peso è certamente da valutare.