Ricci e Parassiti Interni.

Come riconoscere la presenza di parassiti interni in ricci

e come procedere.

Il comportamento corretto per il riccio.

Perdita di peso? Feci "strane"?

Un esemplare con parassiti deve essere tenuto in quarantena per evitare il contagio.

In presenza di un riccio debilitato gli accertamenti da fare sono sicuramente competenza di un veterinario.

Tramite un esame delle feci si può riscontrare la presenza di parassiti interni causa di tale debilitazione.

Molto può dirci lo stato generale del riccio e l'osservazione ad occhio nudo delle sue feci, ma gli esami devono sempre essere fatti prima di somministrare qualsiasi farmaco.

Ad ogni parassita corrisponde una corretta terapia.

Le parassitosi possono essere curate con farmaci adatti e con l'aiuto di antibiotoci mirati se diagnosticate in tempo.

Possiamo supporre la presenza di parassiti interni in ricci dall'osservazione di alcuni sintomi. 

 

Sintomi.

Iperattività.

 Mancanza di appetito.

 Tosse.  

Respiro faticoso.

 Dimagrimento nonostante un'alimentazione corretta.

 Diarrea a volte con sangue.

 Difficoltà nella deambulazione.

  Paralisi.

 Feci gelatinose o verdi (anche se non sempre dovute a parassiti).

Per ulteriori informazioni:

In presenza di parassiti interni è più che mai importante un comportamento corretto.

Elenco di controllo della procedura.

 

 Box in quarantena.

Lavaggio e disinfezione a parte di ogni oggetto venuto in contatto con l'esemplare malato.

L'uso di guanti usa e getta

 per la sicurezza nostra

 della nostra casa e di tutti gli animali presenti.

Importante è non usare antiparassitari o farmaci senza consiglio veterinario.  

 

Questo comportamento può avvelenare il riccio o compromettere eventuali terapie idonee.

Progetto%20Riccio%20Europeo%20For%20Land